Theories and techniques of audiovisual language

Teaching in italian
Teorie e tecniche del linguaggio audiovisivo
Teaching
Theories and techniques of audiovisual language
Subject area
L-ART/06
Reference degree course
DISCIPLINES OF PERFORMING ARTS AND MUSIC
Course type
Bachelor's Degree
Credits
6.0
Teaching hours
Frontal Hours: 36.0
Academic year
2023/2024
Year taught
2025/2026
Course year
3
Language
ITALIAN
Curriculum
PERCORSI COMUNE/GENERICO

Teaching description

Teaching program is provisional and may be subject to changes

Nessun prerequisito.

Il corso è articolato in due parti. Nella prima parte del corso verranno forniti gli strumenti di analisi della serialità televisiva. Nella seconda parte si affronteranno le modalità di rappresentazione dello spazio da parte dei media audiovisivi e si approfondirà l'ampio dibattito teorico sul tema della spazialità nelle narrazioni audiovisive. In particolare, si prenderanno in esame i processi trasformativi indotti dalla messa in quadro nel cinema e nella televisione e gli oggetti generati dai relativi processi: ambiente e paesaggio.

Obiettivo del corso è sviluppare competenze di analisi delle forme rappresentative nell'ambito dei media audiovisivi e individuare il contributo narrativo e stilistico dei processi trasformativi innescati dalla messa in quadro nel cinema e nella televisione. Il corso intende produrre le seguenti conoscenze e sviluppare le seguenti abilità:
1. Capacità di analizzare i processi trasformativi della spazialità nell’ambito cinematografico e televisivo
2. Utilizzare risorse complementari a disposizione (risorse digitali, strumenti bibliografici) per creare un personale percorso di approfondimento.
3. Acquisire consapevolezza e capacità di giudizio autonomo nell’ambito della disciplina.
4. Acquisire la capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni inerenti alla disciplina a interlocutori specialisti e non specialisti.

Lezione frontale; visione e analisi di sequenze cinematografiche e televisive; slide.

Prova orale.

20 febbraio 2024, 3 aprile 2024, 16 maggio 2024, 13 giugno 2024, 9 luglio 2024, 30 luglio 2024, 10 settembre 2024, 22 ottobre 2024 (appello straordinario).

Gli argomenti sono affrontati attraverso un percorso così strutturato:

 

  • Definire lo spazio
  • Spatial Turn
  • Alcuni concetti spaziali
  • Landscape Turn
  • Il paesaggio come modo dello sguardo
  • Petrarca e l’origine del paesaggio moderno
  • Immagine della città e immagine della natura
  • Il paesaggio del passato e la sospensione del mythos
  • Nuovi oggetti spaziali
  • Operare sullo spazio attraverso l’inquadratura
  • L’immagine-spazio
  • Lo spazio empatico o Dantean space
  • Lo spazio reale, lo spazio umano
  • Lo spazio inquadrato: il paesaggio cinematografico
  • Ontologia della vita oltre l’azione
  • Verso il Neorealismo. Il cinema italiano en plein air
  • Il paesaggio della modernità
  • Il terzo paesaggio nel cinema
  • Relazione tra personaggio e luogo nel cinema del reale
  • Il paesaggio e lo schermo
  • Il doppio paesaggio
  • Paesaggio televisivo e visual identity: dal Nordic Noir al British Procedural
  • Paesaggi tra le linee narrative
  • Serialità italiana, paesaggio italiano
  • Ambiente meridiano: Gomorra – La serie
  • Terzo paesaggio televisivo: Anna
  • L’amica geniale, o la possibilità di sospendere l’azione
  • Come finire di raccontare?
  • South World Building
  • Spazio-tempo meridiano
  • Culture meridiane
  • Le mani sulla comunità
  • Local cinema: il caso Salento e il film Pizzicata
  • Il sistema locale
  • Cinema di confine: il borderscape
  • Appaesamento e spaesamento: l'esperienza estetico-geografica

Luca Bandirali, Medium loci. Spazio, ambiente e paesaggio nella narrazione audiovisiva,Pellegrini Editore, Cosenza 2022.

Paolo Furia, Spaesamento. Esperienza estetico-geografica, Meltemi, Milano 2023.

Si richiede inoltre la visione dei seguenti film:
Falsche Bewegung (Falso movimento, W. Wenders, 1975)
Banshun (Tarda primavera, Y. Ozu, 1949)
Le Procès (Il processo, O. Welles, 1962)
Stromboli - Terra di Dio (R. Rossellini, 1950)
Ordet (Ordet - La parola, C. T. Dreyer, 1955)
Kanal (I dannati di Varsavia, 1957, A. Wajda)
The Emerald Forest (La foresta di smeraldo, J. Boorman, 1985)
Aguirre, der Zorn Gottes (Aguirre furore di Dio, W. Herzog, 1972)
Dial M for Murder (Il delitto perfetto, A. Hitchcock, 1954)
Videodrome (D. Cronenberg, 1983)

Semester

Exam type
Compulsory

Type of assessment
Oral - Final grade

Course timetable
https://easyroom.unisalento.it/Orario

Download teaching card (Apre una nuova finestra)(Apre una nuova finestra)