ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II MODULO B

Teaching in italian
ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II MODULO B
Teaching
Subject area
IUS/01
Reference degree course
LAW
Course type
Unique Cycle Master's Degree
Credits
6.0
Teaching hours
Frontal Hours: 45.0
Academic year
2022/2023
Year taught
Course year
2
Curriculum
PERCORSO COMUNE

Teaching description

Teaching program is provisional and may be subject to changes

L'esame richiede il superamento di Istituzioni di diritto privato 1 quale esame propedeutico

 

Modulo A: Autonomia negoziale e autonomia contrattuale: i contratti in generale. Pubblicità immobiliare e trascrizione. La famiglia.
Modulo B: I contratti fra professionisti e consumatori. I singoli contratti: compravendita; mutuo; locazione; comodato; appalto; mandato; deposito; assicurazione; fideiussione; transazione; donazione. Responsabilità civile extracontrattuale e fatti illeciti. Successioni per causa di morte.
Testi adottati: Gli istituti e gli argomenti indicati nel programma potranno essere studiati dal medesimo libro di testo adoperato per preparare l’esame di Istituzioni di diritto privato 1, purché in edizione aggiornata. Per la preparazione dell’esame è indispensabile adoperare altresì una edizione aggiornata del codice civile e leggi complementari: il contenuto dei relativi articoli è parte integrante del programma di esame.

 

Il corso si propone di fornire agli studenti le nozioni relative agli istituti del diritto privato individuati nel programma, stimolando un apprendimento di tipo problematico e non mnemonico, con particolare riguardo ai riflessi applicativi.

In particolare gli obiettivi possono essere così individuati:

- il corso completa la conoscenza degli istituti di diritto privato e consente al futuro giurista di avere gli strumenti per un inquadramento sistematico delle norme  e i criteri per la corretta interpretazione delle stesse;

- consente di comprendere l'applicazione concreta dei precetti normativi  ai casi concreti, verificando quindi l'effettiva operatività delle norme nell'ambito dei conflitti tra privati;

- permette allo studente l'acquisizione di una metodologia finalizzata all'acquisizione di autonomia di giudizio e di valutazione;

- favorisce l'apprendimento e lo sviluppo di un linguaggio tecnico e di abilità comunicative nei confronti di soggetti privi di conoscenze giuridiche specifiche;

- consolida la conoscenza del diritto civile che consentirà allo studente di proseguire nel percorso accademico affrontando senza problemi gli insegnamenti di matrice civilistica. 

 

Il corso si articola prevalentemente in lezioni frontali durante le quali verranno operati riferimenti a casi giurisprudenziali. Si svolgeranno anche delle attività seminariali con approfondimenti su tematiche particolarmente rilevanti.

 

L'esame sarà svolto in forma orale. E' importante che lo studente abbia maturato una preparazione non mnemonica ma dimostri di aver compreso la ratio degli istituti e la concreta operatività delle norme nella soluzione dei conflitti intersoggettivi. La valutazione terrà conto anche delle capacità espositive e del tecnicismo lessicale.

Modulo A: Autonomia negoziale e autonomia contrattuale: i contratti in generale. Pubblicità immobiliare e trascrizione. La famiglia.
Modulo B: I contratti fra professionisti e consumatori. I singoli contratti: compravendita; mutuo; locazione; comodato; appalto; mandato; deposito; assicurazione; fideiussione; transazione; donazione. Responsabilità civile extracontrattuale e fatti illeciti. Successioni per causa di morte.
Testi adottati: Gli istituti e gli argomenti indicati nel programma potranno essere studiati dal medesimo libro di testo adoperato per preparare l’esame di Istituzioni di diritto privato 1, purché in edizione aggiornata. Per la preparazione dell’esame è indispensabile adoperare altresì una edizione aggiornata del codice civile e leggi complementari: il contenuto dei relativi articoli è parte integrante del programma di esame.

Potrà essere utilizzato il manuale adoperato per l'esame di istituzioni diritto privato 1 purchè in edizione aggiornata.

E' necessario la consultazione costante e continua del codice civile e delle leggi complementari.